Collegati con noi

Collegati con noi in qualche modo...

attraverso Facebook, Twitter o con gli RSS



O

ISCRIVITI AI NOSTRI RSS FEED

Abbonati ai nostri RSS per essere sempre aggiornato sul nostro sito
Iscriviti

Le 20 frasi con meno punteggio con almeno 5 voti

Fawzi Karim

Valutata 2.1/5 (42.02%) (109 Voti)

IN AUTOBUS Il benessere del mio corpo richiede un'ora di lenta passeggiata. E poiché mi pesa la solitudine del camminare senza compagnia, o mi turba il ricordo (specie di notte!), che come la pallottola di un cecchino mi perfora la testa, aspetto l'autobus, rosso, che ha il tepore di una casa abitata, rumore e neon. Trovo sollievo nel volto dell'uomo, nella sua singolarità: un volto...

1
Leggi Tutto e Vota

Maria Luisa Spaziani

Valutata 2.1/5 (41.9%) (21 Voti)

Febbraio traditore Non so quale inquietudine posandosi a scialle sopra i rami, sopra le altane che nel vuoto sporgono come prue di porti insabbiati, non so che maleficio o ammonimento o bilico dell’anima gridano i corvi al baluardo dei platani. Oggi è scirocco giallo di coriandoli, già verzica la scorza, in capriole vanno nubi arlecchine. Incombe nera solo l’ambigua sonnolenza...

2
Leggi Tutto e Vota

Platone

Valutata 2.2/5 (43.98%) (161 Voti)

Ci sono tre tipi di uomini: i vivi, i morti e quelli che vanno per mare.

3
Leggi Tutto e Vota

Albert Camus

Valutata 2.2/5 (44%) (10 Voti)

In fondo, non sono sicuro di avere ragione. Ma non è questa la cosa importante, se penso a una donna di cui mi avevano raccontato la storia. Stava per morire e la figlia la vestì per la tomba mentre era ancora viva. Pare infatti che l’operazione sia più semplice quando le membra non sono ancora rigide. Ma è comunque curioso come viviamo fra gente che ha fretta. (Il diritto e il rovescio...

4
Leggi Tutto e Vota

Giorgio Caproni

Valutata 2.23/5 (44.58%) (144 Voti)

Proposito Fa freddo nella storia voglio andarmene. Dove anch’io, col mio fucile scarico, possa gridare “Viktoria!”

5
Leggi Tutto e Vota

Omero

Valutata 2.24/5 (44.71%) (119 Voti)

Ahimè, sempre gli uomini accusano gli dei: dicono che da noi provengono le sventure, mentre è per i loro errori che patiscono e soffrono oltre misura.Odissea, Libro I

6
Leggi Tutto e Vota

Amos Oz

Valutata 2.24/5 (44.8%) (50 Voti)

Quand’ero piccolo, da grande volevo diventare un libro. Non uno scrittore, un libro: perché le persone le si può uccidere come formiche. Anche uno scrittore, non è difficile ucciderlo. Mentre un libro, quand’anche lo si distrugga con metodo, è probabile che un esemplare comunque si salvi e preservi la sua vita di scaffale, una vita eterna, muta, su un ripiano dimenticato in qualche...

7
Leggi Tutto e Vota

Giorgio Caproni

Valutata 2.25/5 (45.07%) (142 Voti)

A Tullio Qui forse potrei vivere potrei forse anche scrivere potrei perfino dire qui è gentile morire Genova mia città fina: ardesia e ghiaia marina. Mare e ragazze chiare con fresche collane di vetro (ragazze voltate indietro col fiasco sul portone prima di rincasare) ah perder anche il nome di Roma, enfasi e orina. Qui forse potrei scrivere: potrei forse anche vivere.

8
Leggi Tutto e Vota

Anna Achmatova

Valutata 2.26/5 (45.27%) (148 Voti)

Ultimo brindisi Bevo a una casa in rovina, alla mia vita malandata, alla solitudine in due e bevo anche per te: alle bugie di labbra tradite, al freddo gelo dei tuoi occhi, ad un mondo crudele e rozzo, ad un Dio che non ci ha salvato. -------------------------------------- Последний тост Я пью за разоренный дом, За злую жизнь...

9
Leggi Tutto e Vota

Omero

Valutata 2.26/5 (45.25%) (118 Voti)

Torna ora nelle tue stanze, bada alle tue cose, al fuso e al telaio, e ordina alle ancelle di pensare al lavoro. Agli uomini sono riservati i discorsi, a tutti, ma a me soprattutto che in questa casa regno e comando. (Telemaco a Penelope Odiessa libro 1)

10
Leggi Tutto e Vota

Ludwig Wittgenstein

Valutata 2.28/5 (45.66%) (219 Voti)

Con i miei numerosi segni d'interpunzione in realtà io vorrei rallentare il ritmo della lettura. Perché vorrei essere letto lentamente. (1948)

11
Leggi Tutto e Vota

Jean Baudrillard

Valutata 2.29/5 (45.89%) (197 Voti)

Ciecamente sogniamo di superare la morte attraverso l'immortalità anche se da sempre l'immortalità ha rappresentato la peggiore delle condanne, il destino più terrificante.(L'Illusione dell'immortalità)

12
Leggi Tutto e Vota

Michel de Montaigne

Valutata 2.29/5 (45.81%) (172 Voti)

L'uomo è davvero insensato: non saprebbe fare un pidocchio e fabbrica dèi a dozzine.

13
Leggi Tutto e Vota

George Orwell

Valutata 2.29/5 (45.73%) (143 Voti)

Ogni ragazzo intelligente di sedici anni è socialista. A quell'età non ci si avvede dell'uncino che spunta dall'esca massiccia. (Fiorirà l'aspidistra)

14
Leggi Tutto e Vota

Elias Canetti

Valutata 2.3/5 (45.95%) (195 Voti)

La gioia diabolica dei morti, perché di loro non sappiamo niente.

15
Leggi Tutto e Vota

Edmond Rostand

Valutata 2.32/5 (46.34%) (202 Voti)

DE GUICHE Adesso ci ha seccati! IL VISCONTE DI VALVERT Che fanfarone! DE GUICHE E alcuno non è buono a rispondergli per le rime?... IL VISCONTE Nessuno? Vado a lanciargli io stesso, vedrete, un di quei tratti! Voi... voi... avete un naso... eh... molto grande!... CIRANO (grave) Infatti! IL VISCONTE (ridendo) Ah! CIRANO (imperturbabile) Questo è tutto?... IL VISCONTE Ma... CIRANO È...

16
Leggi Tutto e Vota

Alberto Savinio

Valutata 2.33/5 (46.51%) (252 Voti)

La Grammatica è un fatto a posteriori, e tanto basta a screditarla. Il greco era arrivato alla sua massima perfezione, prima che i greci si sognassero di esaminare e codificare le leggi che lo governano. Un Pindaro, un Eschilo ignoravano perfettamente che cos'è un avverbio o una preposizione [...] e pure sono scrittori ecellenti. E ignoravano la Grammatica perché al tempo loro la Grammatica...

17
Leggi Tutto e Vota

Simone Weil

Valutata 2.34/5 (46.77%) (189 Voti)

Nell'universo cristallino della matematica vengono tese alla ragione le stesse trappole che nel mondo reale.

18
Leggi Tutto e Vota

Boris Pasternak

Valutata 2.35/5 (46.99%) (206 Voti)

Poesia è solo ciò che è comune, quand'è sfiorato dalla mano del genio.

19
Leggi Tutto e Vota

Marcel Proust

Valutata 2.35/5 (46.96%) (181 Voti)

C'est dans la maladie que nous nous rendons compte que nous ne vivons pas seuls, mais enchaînés à un être d'un règne différent, dont des abîmes nous séparent, qui ne nous connaît pas et duquel il est impossible de nous faire comprendre : notre corps. Quelque brigand que nous rencontrions sur une route, peut-être pourrons-nous arriver à le rendre sensible à son intérêt personnel...

20
Leggi Tutto e Vota