Collegati con noi

Collegati con noi in qualche modo...

attraverso Facebook, Twitter o con gli RSS



O

ISCRIVITI AI NOSTRI RSS FEED

Abbonati ai nostri RSS per essere sempre aggiornato sul nostro sito
Iscriviti

Le 20 frasi con meno punteggio con almeno 5 voti

Elias Canetti

Valutata 1.71/5 (34.29%) (42 Voti)

La gioia diabolica dei morti, perché di loro non sappiamo niente.

1
Leggi Tutto e Vota

Jean Baudrillard

Valutata 1.84/5 (36.72%) (67 Voti)

Ciecamente sogniamo di superare la morte attraverso l'immortalità anche se da sempre l'immortalità ha rappresentato la peggiore delle condanne, il destino più terrificante.(L'Illusione dell'immortalità)

2
Leggi Tutto e Vota

Charles Dickens

Valutata 2.02/5 (40.47%) (43 Voti)

It was one of those March days when the sun shines hot and the wind blows cold: when it is summer in the light, and winter in the shade. ----------- ‎Era uno di quei giorni di marzo in cui il sole splende caldo ed il vento soffia freddo: quando è estate nella luce e inverno nell'ombra.

3
Leggi Tutto e Vota

Franz Kafka

Valutata 2.16/5 (43.17%) (120 Voti)

Tu puoi tenerti lontano dai dolori del mondo, sei libero di farlo e risponde alla tua natura, ma forse proprio questa tua astensione è l'unico dolore che potresti evitare. (Aforismi di Zürau)

4
Leggi Tutto e Vota

Giosuè Carducci

Valutata 2.21/5 (44.2%) (81 Voti)

Davanti San Guido I cipressi che a Bólgheri alti e schietti Van da San Guido in duplice filar, Quasi in corsa giganti giovinetti Mi balzarono incontro e mi guardâr. Mi riconobbero, e - Ben torni omai - Bisbigliaron vèr me co 'l capo chino - Perché non scendi? perché non ristai? Fresca è la sera e a te noto il cammino. Oh sièditi a le nostre ombre odorate Ove soffia dal mare...

5
Leggi Tutto e Vota

Warren Ellis

Valutata 2.24/5 (44.75%) (101 Voti)

Sono cresciuto negli anni ottanta in Inghilterra: ci svegliavamo ogni mattina e guardavamo fuori dalla finestra per vedere se il governo avesse finalmente piazzato i Dalek nelle strade.

6
Leggi Tutto e Vota

Giorgio Bassani

Valutata 2.25/5 (45.03%) (143 Voti)

Da molti anni desideravo scrivere dei Finzi-Contini – di Micòl e di Alberto, del professor Ermanno e della signora Olga – e di quanti altri abitavano o come me frequentavano la casa di corso Ercole I d'Este, a Ferrara, poco prima che scoppiasse l'ultima guerra. Ma l'impulso, la spinta a farlo veramente, li ebbi soltanto un anno fa, una domenica d'aprile del 1957. (Il giardino dei...

7
Leggi Tutto e Vota

Ludwig Wittgenstein

Valutata 2.26/5 (45.19%) (135 Voti)

Con i miei numerosi segni d'interpunzione in realtà io vorrei rallentare il ritmo della lettura. Perché vorrei essere letto lentamente. (1948)

8
Leggi Tutto e Vota

André Gide

Valutata 2.26/5 (45.16%) (93 Voti)

Meno è intelligente il bianco, più gli sembra che sia stupido il negro.

9
Leggi Tutto e Vota

Rita Levi Montalcini

Valutata 2.26/5 (45.14%) (35 Voti)

Ho perso un po' la vista, molto l'udito. Alle conferenze non vedo le proiezioni e non sento bene. Ma penso più adesso di quando avevo vent'anni. Il corpo faccia quello che vuole. Io non sono il corpo: io sono la mente.

10
Leggi Tutto e Vota

Edgar Morin

Valutata 2.27/5 (45.36%) (138 Voti)

La percentuale di ladri è la stessa in tutte le comunità, anche tra la polizia.

11
Leggi Tutto e Vota

Léopold Sédar Senghor

Valutata 2.27/5 (45.49%) (113 Voti)

Caro fratello bianco, Quando sono nato, ero nero, Quando sono cresciuto, ero nero, Quando sto al sole, sono nero, Quando sono malato, sono nero, Quando morirò, sarò nero. Mentre tu, uomo bianco, Quando sei nato, eri rosa, Quando sei cresciuto, eri bianco, Quando prendi il sole, sei rosso, Quando hai freddo, sei blu, Quando hai paura, sei verde, Quando sei malato, sei...

12
Leggi Tutto e Vota

Costantino Kavafis

Valutata 2.28/5 (45.62%) (153 Voti)

[...] la vita che desideri[...] Non sciuparla portandola in giro in balia del quotidiano gioco balordo degli incontri e degli inviti sino a farne una stucchevole estranea. [...]

13
Leggi Tutto e Vota

John Cheever

Valutata 2.28/5 (45.66%) (145 Voti)

Quando penso alla mia famiglia, mi ricordo sempre delle loro spalle. Se ne andavano via sempre sdegnati. Questo è il modo in cui me li ricordo, in direzione di una via d'uscita. (Citato da Susan Cheever, Home Before Dark Houghton Mifflin (1984))

14
Leggi Tutto e Vota

Edmond Rostand

Valutata 2.28/5 (45.54%) (130 Voti)

DE GUICHE Adesso ci ha seccati! IL VISCONTE DI VALVERT Che fanfarone! DE GUICHE E alcuno non è buono a rispondergli per le rime?... IL VISCONTE Nessuno? Vado a lanciargli io stesso, vedrete, un di quei tratti! Voi... voi... avete un naso... eh... molto grande!... CIRANO (grave) Infatti! IL VISCONTE (ridendo) Ah! CIRANO (imperturbabile) Questo è tutto?... IL VISCONTE Ma... CIRANO È...

15
Leggi Tutto e Vota

Guido Gozzano

Valutata 2.29/5 (45.85%) (164 Voti)

Pasqua - A festoni la grigia parietaria come una bimba gracile s'affaccia ai muri della casa centenaria. Il ciel di pioggia è tutto una minaccia sul bosco triste, ché lo intrica il rovo spietatamente, con tenaci braccia. Quand'ecco dai pollai sereno e nuovo il richiamo di Pasqua empie la terra con l'antica pia favola dell'ovo.

16
Leggi Tutto e Vota

Denis Diderot

Valutata 2.33/5 (46.63%) (178 Voti)

Se un misantropo si fosse proposto di fare l'infelicità del genere umano, che avrebbe potuto inventare di meglio che la credenza in un essere incomprensibile, sul quale gli uomini non avrebbero potuto mai mettersi d'accordo e al quale avrebbero attribuito maggior importanza che alla loro stessa vita?

17
Leggi Tutto e Vota

Pierre-Jules Renard

Valutata 2.33/5 (46.67%) (153 Voti)

Come sarebbe monotona la neve se Dio non avesse creato i corvi!

18
Leggi Tutto e Vota

Carlo Emilio Gadda

Valutata 2.33/5 (46.67%) (150 Voti)

Sosteneva, fra l'altro, che le inopinate catastrofi non sono mai la conseguenza o l'effetto che dir si voglia d'un unico motivo, d'una causa al singolare: ma sono come un vortice, un punto di depressione ciclonica nella coscienza del mondo, verso cui hanno cospirato tutta una molteplicità di causali convergenti. Diceva anche nodo o groviglio, o garbuglio, o gnommero, che alla romana vuol dire...

19
Leggi Tutto e Vota

Italo Svevo

Valutata 2.33/5 (46.62%) (148 Voti)

Tullio s'era rimesso a parlare della sua malattia ch'era anche la sua principale distrazione. Aveva studiato l'anatomia della gamba e del piede. Mi raccontò ridendo che quando si cammina con passo rapido, il tempo in cui si svolge un passo non supera il mezzo secondo e che il quel mezzo secondo si movevano nientemeno che cinquantaquattro muscoli. Trasecolai e subito corsi col pensiero alle mie...

20
Leggi Tutto e Vota