Collegati con noi

Collegati con noi in qualche modo...

attraverso Facebook, Twitter o con gli RSS



O

ISCRIVITI AI NOSTRI RSS FEED

Abbonati ai nostri RSS per essere sempre aggiornato sul nostro sito
Iscriviti

Le 20 frasi con meno punteggio con almeno 5 voti

Giuseppe Ungaretti

Valutata 2.19/5 (43.76%) (85 Voti)

Stasera Balaustrata di brezza per appoggiare stasera la mia malinconia

1
Leggi Tutto e Vota

Platone

Valutata 2.2/5 (44.09%) (176 Voti)

Ci sono tre tipi di uomini: i vivi, i morti e quelli che vanno per mare.

2
Leggi Tutto e Vota

Elias Canetti

Valutata 2.26/5 (45.14%) (210 Voti)

La gioia diabolica dei morti, perché di loro non sappiamo niente.

3
Leggi Tutto e Vota

Ludwig Wittgenstein

Valutata 2.27/5 (45.41%) (233 Voti)

Con i miei numerosi segni d'interpunzione in realtà io vorrei rallentare il ritmo della lettura. Perché vorrei essere letto lentamente. (1948)

4
Leggi Tutto e Vota

Anna Achmatova

Valutata 2.29/5 (45.79%) (159 Voti)

Ultimo brindisi Bevo a una casa in rovina, alla mia vita malandata, alla solitudine in due e bevo anche per te: alle bugie di labbra tradite, al freddo gelo dei tuoi occhi, ad un mondo crudele e rozzo, ad un Dio che non ci ha salvato. -------------------------------------- Последний тост Я пью за разоренный дом, За злую жизнь...

5
Leggi Tutto e Vota

Giorgio Caproni

Valutata 2.3/5 (45.95%) (158 Voti)

A Tullio Qui forse potrei vivere potrei forse anche scrivere potrei perfino dire qui è gentile morire Genova mia città fina: ardesia e ghiaia marina. Mare e ragazze chiare con fresche collane di vetro (ragazze voltate indietro col fiasco sul portone prima di rincasare) ah perder anche il nome di Roma, enfasi e orina. Qui forse potrei scrivere: potrei forse anche vivere.

6
Leggi Tutto e Vota

Omero

Valutata 2.3/5 (45.95%) (131 Voti)

Torna ora nelle tue stanze, bada alle tue cose, al fuso e al telaio, e ordina alle ancelle di pensare al lavoro. Agli uomini sono riservati i discorsi, a tutti, ma a me soprattutto che in questa casa regno e comando. (Telemaco a Penelope Odiessa libro 1)

7
Leggi Tutto e Vota

Edmond Rostand

Valutata 2.31/5 (46.15%) (221 Voti)

DE GUICHE Adesso ci ha seccati! IL VISCONTE DI VALVERT Che fanfarone! DE GUICHE E alcuno non è buono a rispondergli per le rime?... IL VISCONTE Nessuno? Vado a lanciargli io stesso, vedrete, un di quei tratti! Voi... voi... avete un naso... eh... molto grande!... CIRANO (grave) Infatti! IL VISCONTE (ridendo) Ah! CIRANO (imperturbabile) Questo è tutto?... IL VISCONTE Ma... CIRANO È...

8
Leggi Tutto e Vota

Jean Baudrillard

Valutata 2.31/5 (46.16%) (211 Voti)

Ciecamente sogniamo di superare la morte attraverso l'immortalità anche se da sempre l'immortalità ha rappresentato la peggiore delle condanne, il destino più terrificante.(L'Illusione dell'immortalità)

9
Leggi Tutto e Vota

Michel de Montaigne

Valutata 2.31/5 (46.13%) (186 Voti)

L'uomo è davvero insensato: non saprebbe fare un pidocchio e fabbrica dèi a dozzine.

10
Leggi Tutto e Vota

Ugo Foscolo

Valutata 2.31/5 (46.18%) (165 Voti)

Né più mai toccherò le sacre sponde ove il mio corpo fanciulletto giacque, Zacinto mia, che te specchi nell'onde del greco mar da cui vergine nacque Venere, e fea quelle isole feconde col suo primo sorriso, onde non tacque le tue limpide nubi e le tue fronde l'inclito verso di colui che l'acque cantò fatali, ed il diverso esiglio per cui bello di fama e di sventura baciò la sua...

11
Leggi Tutto e Vota

Giorgio Caproni

Valutata 2.31/5 (46.16%) (159 Voti)

Proposito Fa freddo nella storia voglio andarmene. Dove anch’io, col mio fucile scarico, possa gridare “Viktoria!”

12
Leggi Tutto e Vota

Arthur Schnitzler

Valutata 2.32/5 (46.4%) (347 Voti)

Se scuoti un aforisma ne cade fuori una bugia e ti avanza una banalità. (Il libro dei motti e delle riflessioni)

13
Leggi Tutto e Vota

Boris Pasternak

Valutata 2.32/5 (46.42%) (215 Voti)

Poesia è solo ciò che è comune, quand'è sfiorato dalla mano del genio.

14
Leggi Tutto e Vota

John Steinbeck

Valutata 2.32/5 (46.49%) (74 Voti)

Poche miglia a sud di Soledad, il Salinas capita sotto le falde dei colli, dove scorre verde e profondo. L'acqua è anche tiepida, perché è sgusciata sfavillando sulle sabbie gialle nel sole, prima di giungere alla stretta pozza. Su una riva del fiume i pendii dorati del contrafforte salgono dolcemente ai monti Gabilan forti e rocciosi; ma a valle l'acqua e orlata di piante: salici verdi e...

15
Leggi Tutto e Vota

Alberto Savinio

Valutata 2.33/5 (46.67%) (264 Voti)

La Grammatica è un fatto a posteriori, e tanto basta a screditarla. Il greco era arrivato alla sua massima perfezione, prima che i greci si sognassero di esaminare e codificare le leggi che lo governano. Un Pindaro, un Eschilo ignoravano perfettamente che cos'è un avverbio o una preposizione [...] e pure sono scrittori ecellenti. E ignoravano la Grammatica perché al tempo loro la Grammatica...

16
Leggi Tutto e Vota

Omero

Valutata 2.33/5 (46.67%) (141 Voti)

Ahimè, sempre gli uomini accusano gli dei: dicono che da noi provengono le sventure, mentre è per i loro errori che patiscono e soffrono oltre misura.Odissea, Libro I

17
Leggi Tutto e Vota

Fawzi Karim

Valutata 2.33/5 (46.62%) (136 Voti)

IN AUTOBUS Il benessere del mio corpo richiede un'ora di lenta passeggiata. E poiché mi pesa la solitudine del camminare senza compagnia, o mi turba il ricordo (specie di notte!), che come la pallottola di un cecchino mi perfora la testa, aspetto l'autobus, rosso, che ha il tepore di una casa abitata, rumore e neon. Trovo sollievo nel volto dell'uomo, nella sua singolarità: un volto...

18
Leggi Tutto e Vota

Giosuè Carducci

Valutata 2.34/5 (46.76%) (219 Voti)

Davanti San Guido I cipressi che a Bólgheri alti e schietti Van da San Guido in duplice filar, Quasi in corsa giganti giovinetti Mi balzarono incontro e mi guardâr. Mi riconobbero, e - Ben torni omai - Bisbigliaron vèr me co 'l capo chino - Perché non scendi? perché non ristai? Fresca è la sera e a te noto il cammino. Oh sièditi a le nostre ombre odorate Ove soffia dal mare...

19
Leggi Tutto e Vota

Bertold Brecht

Valutata 2.34/5 (46.82%) (179 Voti)

Il peggior analfabeta è l’analfabeta politico. Egli non sente, non parla, né s’interessa degli avvenimenti politici. Egli non sa che il costo della vita, il prezzo dei fagioli, del pesce, della farina, dell’affitto, delle scarpe e delle medicine, dipendono dalle decisioni politiche. L’analfabeta politico è talmente somaro che si inorgoglisce e si gonfia il petto nel dire che odia...

20
Leggi Tutto e Vota