Collegati con noi

Collegati con noi in qualche modo...

attraverso Facebook, Twitter o con gli RSS



O

ISCRIVITI AI NOSTRI RSS FEED

Abbonati ai nostri RSS per essere sempre aggiornato sul nostro sito
Iscriviti

Frasi sull'argomento madre 3

Anker- Die Andacht des Grossvaters 1893

dillo con parole sue

Alberto Moravia : clicca per leggere tutte le frasi di questo autore Inserita circa 6 anni fa |Commenti(0) |

Valutata 2.61/5 (52.2%) (277 Voti)
Invia ad un amico Invia ad un amico:)

Wikipedia contiene una voce riguardanteWikipedia>>Alberto Moravia

Nei primi giorni d’estate, Agostino e sua madre uscivano tutte le mattine sul mare in pattino. Le prime volte, la madre aveva fatto venire anche un marinaio, ma Agostino aveva mostrato per così chiari segni che la presenza dell’uomo l’annoiava, che da allora i remi furono affidati a lui. Egli remava con un piacere profondo su quel mare calmo e diafano del primo mattino e la madre, seduta di fronte a lui, gli discorreva pianamente, lieta e serena come il mare e il cielo, proprio come se lui fosse stato un uomo e non un ragazzo di tredici anni. / (da Agostino)



Silvia Ballestra : clicca per leggere tutte le frasi di questo autore Inserita circa 5 anni fa |Commenti(0) |

Valutata 2.55/5 (51%) (260 Voti)
Invia ad un amico Invia ad un amico:)

Wikipedia contiene una voce riguardanteWikipedia>>Silvia Ballestra

Pensavo alle lasagne di mamma mia, la domenica mattina, ovviamente. D’inverno. E le associavo non alla scuola ma proprio alla vacanza, al riposo, alle coltri, al non dover scattare in piedi al trillo della sveglia per fiondarsi fuori al gelo e affrontare mattinate di studio. Mi veniva in mente il suono attutito di mamma che trafficava in cucina, in lontananza; / (Amiche mie)



Salvatore Quasimodo : clicca per leggere tutte le frasi di questo autore Inserita circa 5 anni fa |Commenti(0) |

Valutata 2.65/5 (53.07%) (410 Voti)
Invia ad un amico Invia ad un amico:)

Wikipedia contiene una voce riguardanteWikipedia>>Salvatore Quasimodo

Mater dulcissima, ora scendono le nebbie, / il Naviglio urta confusamente sulle dighe, / gli alberi si gonfiano d'acqua, bruciano di neve; / non sono triste nel Nord: non sono in pace con me, ma non aspetto / perdono da nessuno, molti mi devono lacrime / da uomo ad uomo. So che non stai bene, che vivi, / come tutte le madri dei poeti, povera / e giusta nella misura d'amore / per i figli lontani. Oggi sono io / che ti scrivo.[...]



Back to front page