Collegati con noi

Collegati con noi in qualche modo...

attraverso Facebook, Twitter o con gli RSS



O

ISCRIVITI AI NOSTRI RSS FEED

Abbonati ai nostri RSS per essere sempre aggiornato sul nostro sito
Iscriviti

Frasi sull'argomento psicologia 3

Benczur, Gyula - Reading Woman in the Forest (1875)

dillo con parole sue

Friedrich Wilhelm Nietzsche : clicca per leggere tutte le frasi di questo autore Inserita circa 5 anni fa |Commenti(0) |

Dostoievskij è la sola persona che mi abbia insegnato un po' di psicologia.



John Watson : clicca per leggere tutte le frasi di questo autore Inserita circa 2 anni fa |Commenti(0) |

Valutata 2.93/5 (58.56%) (153 Voti)
Invia ad un amico Invia ad un amico:)

Wikipedia contiene una voce riguardanteWikipedia>>John Watson

Datemi una dozzina di bambini sani, ne potrei fare dei buoni dottori, magistrati o artisti.



Miguel Benasayag : clicca per leggere tutte le frasi di questo autore Inserita circa 1 anno fa |Commenti(0) |

Valutata 2.95/5 (59.04%) (104 Voti)
Invia ad un amico Invia ad un amico:)

Wikipedia contiene una voce riguardanteWikipedia>>Miguel Benasayag

La dinamica dello sguardo “sull’altro” L’etichetta induce a credere che, in virtù della classificazione e della diagnosi, si sia reso visibile qualcosa che appartiene all’essenza di una persona e che si trasforma così in essenza visibile. Proprio per questo, nell’ambito psicosociale, le etichette pongono tanti problemi: ci fanno adottare uno sguardo normalizzatore. Quando per esempio posiamo lo sguardo su un disabile, in genere vediamo un’etichetta che lo ricopre totalmente e dietro a cui, da un punto di vista sociale, egli scompare. Quando qualcuno esce in strada sulla sedia a rotelle, incrocia gli sguardi ambigui e imbarazzati dei passanti: evitano di guardarlo o lo guardano con un “rispetto” esagerato. In effetti, lo sguardo è pieno di imbarazzo perché l’altro, che si muove stando seduto, esibisce qualcosa che ci sembra essere la sua essenza fondamentale, la sua etichetta-natura, quella che tutti nascondono, quella che, come tutti sappiamo, separa nettamente gli spazi definiti dallo sguardo privato e da quello pubblico; sarebbe come guardare l’altro in una sorta di nudità forzata. (Miguel Benasayag Gerard Schmit - L’EPOCA DELLE PASSIONI TRISTI )



Back to front page