Collegati con noi

Collegati con noi in qualche modo...

attraverso Facebook, Twitter o con gli RSS



O

ISCRIVITI AI NOSTRI RSS FEED

Abbonati ai nostri RSS per essere sempre aggiornato sul nostro sito
Iscriviti

Frasi sull'argomento fallimento 1

Anker- Die Andacht des Grossvaters 1893

dillo con parole sue

Primo Levi : clicca per leggere tutte le frasi di questo autore Inserita circa 3 mesi fa |Commenti(0) |

Valutata 2.57/5 (51.43%) (35 Voti)
Invia ad un amico Invia ad un amico:)

Wikipedia contiene una voce riguardanteWikipedia>>Primo Levi

ARGENTO Una circolare ciclostilata, di norma, si getta nel cestino senza leggerla, ma mi accorsi subito che quella non meritava il comune destino: era l’invito per la cena del venticinquesimo anno di laurea. Il suo linguaggio mi diede da pensare: il destinatario veniva trattato col “tu”, e l’estensore faceva sfoggio di termini goliardici stantii, come se quei venticinque anni non fossero passati. Con involontaria comicità, il testo concludeva dicendo: “...in un’atmosfera di rinnovato cameratismo, celebreremo le nostre nozze d’argento con la Chimica narrandoci a vicenda gli eventi chimici della nostra vita quotidiana”. Quali eventi chimici? La precipitazione degli steroli entro le nostre arterie cinquantenni? L’equilibrio di membrana delle nostre membrane? Chi poteva essere l’autore? Passai in rassegna mentalmente i venticinque o trenta colleghi superstiti: voglio dire, non solo ancora in vita, ma non spariti dietro il capo di altre attività professionali. Prima di tutto, via tutte le colleghe: tutte madri di famiglia, tutte smobilitate, nessuna più in possesso di “eventi” da raccontare. Via gli arrampicatori, gli arrampicati, i protetti, gli ex-protetti divenuti protettori: questa è gente che non ama i confronti. Via anche i frustrati, che neanche loro amano i confronti: ad una riunione così, il naufrago magari ci viene, ma per chiedere compatimento o aiuto: è difficile che prenda l’iniziativa di organizzarla. Dalla esigua rosa che avanzava scaturì un nome probabile: Cerrato, l’onesto maldestro e volonteroso Cerrato, a cui la vita aveva dato così poco e che così poco aveva dato alla vita. L’avevo incontrato saltuariamente e fugacemente dopo la guerra, ed era un inerte, non un naufrago: è naufrago chi parte ed affonda, chi si propone una meta, non la raggiunge e ne soffre; Cerrato non si era proposto nulla, non si era esposto a nulla, era rimasto ben chiuso in casa, e certamente doveva essere rimasto abbarbicato agli anni “d’oro” degli studi perché tutti gli altri suoi anni erano stati di piombo. (Il Sistema Periodico)



Back to front page